logofriedman copia

press01

Ufficio Stampa

Alessandro Bertoldi: Associazioni italo-venezuelane al governo, riconosca Guaido' 

Associazioni italo-venezuelane al governo, riconosca Guaido'
(ANSA) - ROMA, 12 FEB - Un appello trasversale e urgente al
parlamento e al governo in cui si chiede il riconoscimento di
Guaido senza equivoci, e' stato inviato a deputati e senatori
dalle associazioni italo-venezuelane.
"Abbiamo ascoltato con attenzione - ha dichiarato Alessandro
Bertoldi, direttore esecutivo dell'Istituto FRIEDMAN, che si e'
fatto promotore insieme alle associazioni italo-venezuelane
dell' appello - le comunicazioni del ministro degli Esteri
Moavero che afferma di considerare illegittimo il governo di
Maduro tanto da chiedere d'indire nuove elezioni. In
contemporanea pero' non riconosce la figura di Guaido. A Moavero
e al governo italiano pertanto spieghiamo che le elezioni sono
soltanto la conseguenza di una posizione che devono
necessariamente prendere. Come si fa a non riconoscere ne' Maduro
ne' Guaido? Chi e' la persona fisica con cui l'Italia
interloquisce in Venezuela?"
"Noi dell'Istituto FRIEDMAN - spiega - insieme alla
Presidente dell'Associazione Comunita' italo-venezuelana in
Veneto Lys Golia e a numerose personalita' autorevoli, rivolgiamo
un appello al Governo italiano e a tutti i cittadini affinche' si
impegnino a sostenere ufficialmente e con ogni mezzo pacifico il
percorso di liberazione del Venezuela e il riconoscimento di
Juan Guaido' come legittimo presidente pro tempore. Non si parla
solo di una crisi politica ma soprattutto umanitaria: mancanza
di cibo e di medicine stanno mettendo in ginocchio il popolo
venezuelano; e il governo italiano deve prendere la giusta
posizione: sono quasi 2 milioni i cittadini d'origine italiana e
le relazioni future tra i due Stati non possono essere
compromesse da una scelta che porrebbe l'Italia dalla parte
sbagliata della storia. Ringraziamo tutti i firmatari per il
sostegno".


Alessandro Bertoldi: Venezuela, Istituto Friedman: appello a governo, riconoscere Guaidò Venezuela, Istituto Friedman: appello a governo, riconoscere Guaidò

Roma, 12 feb. (askanews) - Un appello trasversale e urgente al
Parlamento e al Governo in cui si chiede il riconoscimento di
Guaidó senza equivoci, è stato inviato a deputati e senatori.
"Abbiamo ascoltato con attenzione le comunicazioni del Ministro
degli Esteri Moavero che afferma di considerare illegittimo il
Governo di Maduro tanto da chiedere d'indire nuove elezioni. In
contemporanea però non riconosce la figura di Guaidó. A Moavero e
al Governo italiano pertanto spieghiamo che le elezioni solo
soltanto la conseguenza di una posizione che devono
necessariamente prendere. Come si fa a non riconoscere nè Maduro
nè Guaidó? Chi è la persona fisica con cui l'Italia interloquisce
in Venezuela?". È quanto ha dichiarato Alessandro Bertoldi,
direttore esecutivo dell'Istituto Friedman, che si è fatto
promotore insieme alle associazioni italo-venezuelane di un
appello rivolto al Parlamento italiano e al Governo.

"Noi dell'Istituto Friedman - spiega - insieme alla Presidente
dell'Associazione Comunità italo-venezuelana in Veneto Lys Golia
e a numerose personalità autorevoli, rivolgiamo un appello al
Governo italiano e a tutti i cittadini affinché si impegnino a
sostenere ufficialmente e con ogni mezzo pacifico il percorso di
liberazione del Venezuela e il riconoscimento di Juan Guaidò come
legittimo presidente pro tempore. Non si parla solo di una crisi
politica ma soprattutto umanitaria: mancanza di cibo e di
medicine stanno mettendo in ginocchio il popolo venezuelano; e il
Governo italiano deve prendere la giusta posizione: sono quasi 2
milioni i cittadini d'origine italiana e le relazioni future tra
i due Stati non possono essere compromesse da una scelta che
porrebbe l'Italia dalla parte sbagliata della storia. Ringraziamo
tutti i firmatari per il sostegno".


Associazioni italo-venezuelane al governo, riconosca Guaido'


(ANSA) - ROMA, 12 FEB - Un appello trasversale e urgente al
parlamento e al governo in cui si chiede il riconoscimento di
Guaido senza equivoci, e' stato inviato a deputati e senatori
dalle associazioni italo-venezuelane.
"Abbiamo ascoltato con attenzione - ha dichiarato Alessandro
Bertoldi, direttore esecutivo dell'Istituto Friedman, che si e'
fatto promotore insieme alle associazioni italo-venezuelane
dell' appello - le comunicazioni del ministro degli Esteri
Moavero che afferma di considerare illegittimo il governo di
Maduro tanto da chiedere d'indire nuove elezioni. In
contemporanea pero' non riconosce la figura di Guaido. A Moavero
e al governo italiano pertanto spieghiamo che le elezioni sono
soltanto la conseguenza di una posizione che devono
necessariamente prendere. Come si fa a non riconoscere ne' Maduro
ne' Guaido? Chi e' la persona fisica con cui l'Italia
interloquisce in Venezuela?"
"Noi dell'Istituto Friedman - spiega - insieme alla
Presidente dell'Associazione Comunita' italo-venezuelana in
Veneto Lys Golia e a numerose personalita' autorevoli, rivolgiamo
un appello al Governo italiano e a tutti i cittadini affinche' si
impegnino a sostenere ufficialmente e con ogni mezzo pacifico il
percorso di liberazione del Venezuela e il riconoscimento di
Juan Guaido' come legittimo presidente pro tempore. Non si parla
solo di una crisi politica ma soprattutto umanitaria: mancanza
di cibo e di medicine stanno mettendo in ginocchio il popolo
venezuelano; e il governo italiano deve prendere la giusta
posizione: sono quasi 2 milioni i cittadini d'origine italiana e
le relazioni future tra i due Stati non possono essere
compromesse da una scelta che porrebbe l'Italia dalla parte
sbagliata della storia. Ringraziamo tutti i firmatari per il
sostegno".

Privacy Policy Cookie Policy