logofriedman copia

press01

Ufficio Stampa

(ANSA) - ROMA, 10 MAG - "Il sogno di una rivoluzione liberale
e' sempre piu' lontano. Il Governo si contraddice di ora in ora:
il Ministro dell'Interno Salvini e' favorevole alla riapertura
delle case chiuse, ma vuole tornare indietro sulla Cannabis; e
anche Forza Italia e FDI hanno assunto posizioni proibizioniste.
In casa 5 Stelle, invece, la confusione regna sovrana tra una
parte contraria e l'altra favorevole e il Presidente del
Consiglio che ogni giorno segue una linea diversa per mediare
tra gli alleati. Una linea netta su due argomentazioni
estremamente simili, su due attivita' da sempre in mano alla
criminalita' organizzata: liberalizzando la vendita e l'uso della
cannabis, cosi' come la prostituzione, come avviene gia' nei Paesi
piu' evoluti del Mondo, si toglie terreno fertile alle mafie,
chiudendo due tra i mercati piu' redditizi su cui esse
prosperano. Le dichiarazioni di questi giorni sono per noi,
dell'Istituto Milton Friedman, un vero campanello d'allarme.
Storicamente, appoggiamo la proposta sulla legalizzazione della
cannabis ed aggiungiamo che il luogo piu' adatto a cui affidare
la vendita di tale prodotto e' senza dubbio la tabaccheria. I
tabaccai sono una rete affidabile e presidio di legalita' su
tutto il territorio nazionale". Lo afferma Alessandro BERTOLDI,
Direttore esecutivo dell'Istituto Milton Friedman, in merito al
dibattito in corso.

Privacy Policy Cookie Policy