logofriedman copia

press01

Ufficio stampa

Prosegue l'iter di discussione del disegno di legge per la legalizzazione della cannabis ad uso terapeutico. La Camera dei Deputati ha licenziato il testo con 317 sì, 40 no e 13 astenuti. La palla passa adesso al Senato e sarà una corsa contro il tempo per arrivare all'approvazione del testo prima della fine della legislatura. Il testo approvato dalla Camera se confermato dal Senato consentirà il ricorso alla Cannabis a fini medici. Responsabile della coltivazione e distribuzione alle farmacie sarà lo Stabilimento chimico farmaceutico militare di Firenze. Sull'argomento è intervenuto il Consiglio direttivo dell'Istituto Milton Friedman: "Siamo contenti del prosieguo del dibattito e auspichiamo che si arrivi a un testo definitivo prima della fine della legislatura. Questo però è solo un primo passo assolutamente necessario per scardinare un sistema proibizionistico assurdo e fuori dal tempo. Non smetteremo di batterci per arrivare a una completa liberalizzazione delle droghe leggere che tuteli il prossimo, come nel caso del consumo degli alcolici, ma che consenta alle persone di non essere criminalizzate per un fatto che attiene alla loro libertà individuale. Riprendendo Friedman si può dire che tra le vittime della guerra alla droga c'è la stessa società il cui denaro viene sperperato in uno scontro che non avrebbe motivo di esistere e che non può avere vincitori. In questo senso continueremo la nostra campagna di informazione e sensibilizzazione al fine di garantire a tutti un dibattito ragionato su un tema che nel nostro Paese risente ancora di pregiudizi e luoghi comuni."

Privacy Policy Cookie Policy