logofriedman copia

press01

Redazione  
Dopo il successo alle elezioni anticipate tenutesi in Giappone il 22 ottobre di quest’anno il primo ministro e leader dei liberal-democratici giapponesi Shinzo Abe ha confermato tutti i 17 ministri del suo governo uscente. 
Avviandosi a diventare il primo ministro giapponese più longevo dal 1945 Abe è stato eletto sulla base di un programma che prevede il suo punto cruciale nell’abbandono della Costituzione pacifista del 1947. La minaccia rappresentata dalla Corea del Nord e dal suo leader Kim Jong Un hanno convinto i giapponesi ad avviare un processo di superamento di quelle limitazioni all’esercito e alla sua offensività imposte dagli alleati al termine della Seconda guerra mondiale. 
In un clima internazionale mutato non ci sono dubbi che il Giappone potrà e dovrà giocare un ruolo strategico negli assetti militari e politici. 
Da parte sua il Giappone può contare inoltre sull’appoggio degli Stati Uniti, è previsto infatti un incontro tra il 5 e il 6 novembre tra Abe e Trump per discutere una linea comune di contenimento alla Corea del Nord.
Privacy Policy Cookie Policy