Olimpiadi Parigi, Lettera aperta alla Fondazione Surfrider: a rischio la salute degli atleti per la qualità dell’acqua della Senna

Pubblichiamo di seguito la nostra lettera alla Surfrider Foundation in cui chiediamo delucidazioni circa le loro indagini sulle condizioni delle acque della Senna, in vista delle Olimpiadi di Parigi, esprimiamo a tal proposito la nostra preoccupazione. Ad oggi questa lettera non ha avuto ancora risposta:

Gentile Fondazione, stimati Signori e Signore,

Nell’ottobre 2023, la vostra Fondazione ha condiviso i risultati dei test batteriologici condotti sul fiume Senna a Parigi, destinato ad essere il luogo per l’evento di nuoto di maratona ai Giochi di Parigi e per il segmento di nuoto dei triathlon olimpici e paralimpici. I rapporti indicano chiaramente che nuotare lì rappresenta un serio rischio per la salute degli atleti.

L’8 aprile 2024, avete nuovamente avvertito (https://www.surfrider.fr/wp-content/uploads/2024/04/Surfrider_lettre-ouverte-QES_JOP2024.pdf) di questo pericolo. Sto scrivendo un articolo sull’argomento, considerando questa questione di grande importanza, e il nostro Istituto è desideroso di ottenere chiarezza, quindi vorrei porvi alcune domande.

C’è stato qualche cambiamento nell’atteggiamento degli organizzatori olimpici riguardo a questo problema?

Secondo la vostra lettera aperta, di 14 campioni prelevati negli ultimi sei mesi – sia nei giorni di sole che di pioggia – solo uno aveva un livello di inquinamento “soddisfacente”. Gli altri mostravano livelli allarmantemente alti di enterococchi fecali e coliformi, con livelli di coliformi quattro volte superiori in un giorno.

Cosa significa esattamente questo in termini di minacce per gli atleti – come potrebbe influenzare la loro salute? Un paio di giorni di diarrea, o potrebbe avere conseguenze molto peggiori?

Credete davvero sia possibile pulire la Senna prima dei Giochi in modo che gli atleti possano nuotare senza alcuna minaccia di ammalarsi?

Questa domanda riguarda specificamente gli atleti, non solo i bagnanti che possono limitare il loro tempo in acqua a un paio di minuti e, ad esempio, prendere tutte le precauzioni contro l’ingestione dell’acqua.

Nella vostra lettera scrivete che non esiste un quadro normativo per determinare il rischio del nuoto e fate riferimento alla Direttiva sulle Acque di Balneazione.

Secondo voi, qual è la ragione della mancanza di un quadro normativo? Sembra essere un tentativo di silenziare coloro che sono preoccupati per le conseguenze per i nuotatori?

Come descrivereste il livello di cooperazione tra le autorità di Parigi, gli organizzatori olimpici e la vostra Fondazione? Sembra che stiano ignorando le vostre attività e rapporti, o cercando di farli apparire insignificanti?

La chiusura dei moli è un esempio – rende impossibile al team di Surfrider continuare a prendere campioni. Avete chiesto di essere autorizzati ad accedere ai siti di campionamento per la durata delle Olimpiadi di Parigi per continuare a monitorare la qualità dell’acqua nella Senna e quindi garantire la salute degli atleti.

Avete ricevuto l’accesso? Le autorità ne hanno discusso con i vostri rappresentanti?

Aspettiamo con interesse la vostra gentile risposta e vi inviamo i nostri migliori saluti e auguri per il vostro continuo successo.

Alessandro Ortombina

Direttore delle Politiche Sociali e Sanitarie

Related Blog

Leave a CommentYour email address will not be published.